CHIRURGIA RICOSTRUTTIVA

Asimmetria mammaria

INTRODUZIONE

Le asimmetrie del seno si caratterizzano per una differente forma o volume delle ghiandole mammarie e/o anomala disposizione del complesso areola-capezzolo. A seconda della eziologia possono dividersi in congenite e acquisite.

CONGENITE

Generalmente tale difetto si rende evidente durante l’adolescenza e può manifestarsi come amastia ( assenza della ghiandola mammaria) o ipomastia (deficit di sviluppo). Esistono anche sindromi in cui l’asimmetria mammaria è uno dei segni che si associa ad altri deficit come avviene nella Sindrome di Poland.

ACQUISITE

Derivano principalmente da cause traumatiche, infettive o iatrogene(esiti interventi chirurgici o radioterapia) la correzione delle asimmetrie prevede la correzione di una o entrambe le mammele a seconda dei casi:

Si puo corrogere solo una mammella iposviluppata mediante l’inserimento di protesi mammaria le cui dimensioni vengono stabilite durante le visite preoperatorie basandosi sulla ammella normoconformata;

Possono essere corrette entrambe utilizzando protesi di dimensioni diverse, se la paziente desidera aumentare il volume anche della mammella normoconformata.

Infine qualora la discrepanza di forma e volume non può essere corretta solo con l’utilizzo di protesi mammarie allora si ricorre alle tecniche di mastolpastica per ottenere la maggiore simmetria possibile tra le mammelle.

Chirurgia ricostruttiva

Richiedi maggiori informazioni