LASER TERAPIA

Ringiovanimento del volto

INTRODUZIONE

Lo sviluppo dei sistemi laser a CO2 e le nuove metodiche di intervento sempre più raffinate hanno portato ad un aumento delle possibili applicazioni dei laser chirurgici, che vanno dai trattamenti di resurfacing (ablativo e frazionale) a precise vaporizzazioni di numerose lesioni dermatologiche anche in sedi particolarmente delicate come la zona periorbitaria, l’orecchio esternoe la sedi mucose e pseudo mucose.Nuovi traguardi sono oggi raggiungiili grazie l’introduzione di innovative sorgenti laser a CO2 con potenze e gestioni dell’impulso che consentono un controllo completo e flessibile della profondità di ablazione, con minima diffusione termicaai tessuti circostanti e riducendo al minimo l’utilizzo dell’anestesia locale. L’obiettivo principale nell’impiego di un lase chirurgico in regime pulsato (frazionato) è quello di ottenere un’ablazione con un danno termico minimo.. Questo si ottiene vaporizzando il tessuto in un tempo minore di quello necessario alla diffusione del calore.

Il resurfacing ablativo frazionato trova la sua elezione per il trattamento di un selezionato gruppo di pazienti con un lieve-moderato livello di foto danneggiamento e che richiede un ridotto tempo di guarigione,a fronte di una parziale ristrutturazione dell’epidermide, un ritensionamento del tessuto con neocollagenogenesi, ma con efetti ridotti rispetto al resurfacing tradizionale. L’ utilizzo infatti di sistemi di scansione, che generano delle micro-zone di danneggiamento termico(20%) circondate da tessuto sano, consentono una più rapida guarigione con eritema persistente per soli 3-7 giorni. La rapida riepitelizzazione in seconda giornata consente il ripristino della barriera epidermica ed il ritorno alle normali attività sociali.

Normalmente il resurfacing frazionato necessita di più sedute, che sono ben tollerate dal paziente grazie all’immediato risultato clinico (shrinkage) ed ai brevi tempi di convalescenza ( minimo downtime). Il nuovo resurfacing frazionato affiancato al resurfacing tradizionale, introduce una nuova strategia di lavoro, consentendo di individuare il più appropriato trattamento laser compatibile con la geavità sel foto danneggiamento e di soddisfare le richieste di un sempre minore tempo di guarigione del paziente.

PROCEDURA CLINICA

Prima di tutto è importante il paziente allo scopo di creare la sua scheda. Questa scheda dovrà contenere i punti seguenti Evitare esposizioni al sole e ai raggi u.v. perlomeno 10 giorni prima del trattamento e per 20-30 giorni dopo il trattamento utilizzare una protezione a schermo totale. Assicurarsi che i paziente non assuma farmaci incompatibili come: Anticoagulanti ( acido acetilsalicilico, eparina) Retinoidi(isotretinoina). Foto-sensibilizzanti (tetraciclina). Contraccettivi orali In tal caso si suggerisce di sospendere l’assunzione di farmaci specifici in modo che il loro effetto non interagisca con il trattamento.

Al fine di ottenere un ottimo risultato del trattamento laser, il paziente deve strettamente seguire il protocollo preoperatorio per prevenire le due complicanze principali:
l’iperpigmentazionepost-infiammatoria e l’infezione.
Prevenzionedell’iperpigmentazione
post-infiammatoria

Soprattutto per i fototipi più scuri e asiatici si consiglia di applicare topica schiarente tutti igiorni per 4 settimane prima del trattamento per inibire la produzione di melanina. È possibile utilizzare una crema all’idrochinone . Questa procedura è altamente consigliata per i tipi di pelle scura mentre si tratta semplicemente di un suggerimento per i fototipi I e II.

I farmaci utilizzati appartengono a due categorie:

Farmaci antivirali.
Si suggerisce di iniziare la profilassi antivirale sei giorni prima del trattamento per i soggetti positivi all’infezione del virus dell’Herpes Simplex. Il trattamento antivirale può iniziare 2 giorni prima del trattamento laser sui soggetti senza storia d’infezione erpetica.

Farmaci antibiotici :
continuare per sette giiorni dopo il trattamento. Spesso è sufficiente applicare una crema antibiotica topica (gentamicina) dopo la precedura. In caso di skin-resurfacing frazionato è generalmente sufficiente l’applicazione di un anestetico locale un’ora prima del trattamento . In generale si utilizza un sistema di raffredamento , che riduce anche il livello di ipermia. Il viso è diviso in 5 unità estetiche: zona zigomatica destra, zona peribuccale, zona zigomatica sinistra, zona frontale e nasale-periorbitaria. In caso di skin-resurfacing della pelle con il laser frazionato, il trattamento di tutto il viso è realizzato sequenzialmente su ciascuna unità estetica, cercando accuratamente di evitare sovrapposizioni.

Il laser CO2 offre la possibilità di adattare la procedura secondo le aspettative del paziente considerando che il trattamento più o meno aggressivo corrisponde a un tempo di recupero più o meno lungo dopo ciascuna seduta. Al fine di ridurre l’edema e l’infiammazione che possono comparire dopo la procedura , si consiglia di applicare sulla pelle , subito dopo ll trattamento, delle garze fredde . Come cura post-trattamento si suggerisce una medicazione di tipo aperto detergendo la cute con delle compresse fredde di garza sterile imbevute in soluzione fisiologica.

Consigliare al paziente di applicare spesso un emolliente e/o delle creme antibiotiche , soprattutto dopo la pulizia. Questa procedura deve essere compiuta 3-4 volte al giorno fino alla constatazione della guarigione(4-7 giorni) Dopo questo periodo applicare cure per la pelle normale, crema idratante e una protezione solare a schermo totale. Si suggerisce di aspettare un giorno prima di fare la doccia. Evitare di esporsi al sole per almeno 2 settimane. L’utilizzazione di creme idratanti ed emmolienti, utili per mantenere l’uniformità e l’aspetto della nuova pelle è consigliato senza limitazione di durata.

LE DOMANDE PIU' FREQUENTI DEL PAZIENTE

Cosa Sento?
La sensazione avvertita dutrante il trattamento è quella di un lieve calore di breve durata e assolutamente tollerabile.

Che cosa succede dopo il trattamento?
Subito dopo il trattamento la pelle risulta tonica e luminosa, le macchie sono più chiare e dopo 4-7 giorni il rossore post-trattamento, simile a quello di un modesto eritema provocato dalla prima esposizione al sole , scompare.
In terza giornata ci si può truccare, facendo però attenzione ad utilizzare una adeguata protezione solare ed una crema idratante.
l miglioramento continuo per i sei mesi successivi permette di ottenere buoni e duraturi risultati.

È sicuro?
La rapida riepitelizzazione consente il ripristino della barriera epidermica, preservandola da eventuali infezioni. La precisione e la progressività rendono questo tipo di trattamento praticabile senza anestesia in totale sicurezza.

Per chi è indicato?
Il trattamento è indicato per tutti i tipi di pelle, unica attenzion, valutabile dal tuo professionista è il grado di abbronzatura della tua pelle.

Quanto dura il trattamento?
Mezz’ora al massimo

Quanti trattamenti devo fare?
Risultati immediati possono essere ottenuti anche in una sola seduta . Un Programma di trattamenti può essere concordato con il medico valutando il grado di severità delle imperfezioni della tua pelle.

Laser terapia

Richiedi maggiori informazioni